Rara foto di Akita che aspettava da dieci anni che il suo umano tornasse a darci le sensazioni

Rara foto di Akita che aspettava da dieci anni che il suo umano tornasse a darci le sensazioni

Olivia Hoover

Olivia Hoover | Direttore | E-mail

Ci sono state diverse storie strazianti nei media che hanno recentemente descritto i cani che si sono rifiutati di lasciare il luogo delle tragiche morti dei loro cari e che hanno rischiato la propria vita per proteggerli. Ci sono stati ricordati i cani più infamanti della storia, e Hachiko the Akita non è il tipo di storia che dimentichi.

Nel 1924, un uomo di nome Hidesaburō Ueno "adottò" l'Akita, e Hachi rimase per sempre dalla sua parte umana. Ogni giorno seguiva Ueno alla stazione Shibuya a Tokyo per vederlo andare al lavoro (Ueno era un professore di agricoltura all'Università di Tokyo), e rimase fino a quando Ueno tornò sul suo treno. Come un orologio, ogni giorno, viaggiavano insieme da e per la stazione.

Hachiko ha fatto questo per quasi un anno fino a quando un giorno Ueno non ha mai fatto il suo treno a casa. Aveva subito un'emorragia cerebrale e morì mentre era al lavoro. Per i nove anni successivi, nove mesi e quindici giorni, Hachi si presentò alla stazione nel momento esatto in cui arrivò il solito treno di Ueno, sperando che scendesse.

L'Akita alla fine morì nel 1935; gli scienziati in seguito scoprirono che era stato colpito da un cancro terminale e da una infestazione da filaria. I pendolari lo hanno trovato per strada, e le sue ceneri ora giacciono accanto a Ueno in un cimitero di Tokyo.

Una foto di Hachiko è riemersa di recente quando una famiglia l'ha scoperto in uno dei vecchi album fotografici del padre. L'uomo che ha scattato la foto, Isamu Yamamoto, si è spesso divertito a scattare foto di Hachiko. È l'unica immagine esistente che descrive il cane come realmente era: paziente e contento tra i pendolari quotidiani, in attesa che il suo umano ritorni.

Takeshi Ando, ​​uno scultore che ha creato una statua basata sulla rara immagine, ha detto questo sul soggetto peloso:

Hachiko si è mescolato con l'area intorno alla stazione [nella foto] e questo è proprio quello che ho visto in quel momento. Non ho mai guardato una foto del genere che abbia colto così bene l'atmosfera della vita quotidiana di Hachiko in quel momento.

Il punto esatto in cui Hatchi sedeva ogni giorno è ora contrassegnato da impronte dorate e un messaggio sulla sua immancabile lealtà, ma non abbiamo bisogno di queste cose per mantenere viva la sua memoria. Questo cane era tutto ciò che rende grandi i cani, e lo celebreremo sempre.

H / t The Japan News, Immagine in primo piano tramite Dogster

Condividi Con I Tuoi Amici

Articoli Correlati

add